Menu

Menu

prenota logo

Prenota ora

MIGLIORE TARIFFA GARANTITA

Chiudi Menu
Data:
Notti:
Camere:
Adulti:
Bambini
3-12 anni
Neonati
0-2 anni
Promo Code:

Superior Suites
eitch borromini

Queste due suite, situate al terzo e al quarto piano, prendono il nome da Olimpia Maidalchini, nota popolarmente come “La Pimpaccia” (Pimpa era il nome dell’astuto personaggio di una commedia in voga nella Roma barocca), che riempì le cronache romane del Seicento con la sua stravagante personalità. Ambiziosa fin dall’infanzia, passò dalle sue modeste origini al patriziato romano, sposando Pamphilio Pamphilj, fratello del futuro papa Innocenzo X. Dedicò la sua vita al suddetto papa che manovrò, insieme con la Corte santa, per dieci anni a suo piacimento, tanto da essere passata alla storia come “La papessa”. Viveva insieme con il papa, mangiava con lui, chi voleva favori da lui doveva ricorrere a Donna Olimpia. Incurante delle malelingue, che la definivano amante del papa, per tutta la sua esistenza sfruttò la sua posizione di privilegio ammassando ricchezze con astuzia, minacce e sotterfugi. Nonostante la sua pessima reputazione di donna avara, le va riconosciuto il ruolo importante che ricoprì nelle fabbriche Pamphilj, tanto che la tradizione la vuole alla direzione dei lavori di costruzione del Collegio Innocenziano, dove oggi ci troviamo.

Gli appartamenti che si affacciano sulla corte interna sono dedicati a Francesco Borromini, uno degli artisti più importanti e stravaganti del barocco romano. Fu l’architetto favorito da papa Innocenzo X Pamphilj, che lo volle fortemente alla sua corte e gli affidò la costruzione del Collegio nel quale oggi ci troviamo. Le sue strutture architettoniche, più che le proporzioni classiche, riecheggiano le “chimere” (Chantelou): fantasia, esoterismo, ma soprattutto una grande tecnica, dovuta alla sua formazione lombarda, che rimanda anche all’estro medievale, fanno di lui il genio indiscusso del barocco. Fu però un genio instabile e incompreso, tanto che l’improvvisa mancanza di lavori e il crescere della fama di Bernini, suo rivale nel campo, lo portarono al suicidio. L’antagonismo con Bernini rivive qui all'Eitch, dove la Fontana dei Quattro Fiumi dello stesso Bernini è visibile dalle finestre della facciata principale del Collegio Innocenziano, dal lato opposto a quello della stanza in cui ci troviamo.

check Metri quadrati: 75/85
check Numero massimo di ospiti: 3/4
check Tipologia di letti: 1 Letto King, 1 Divano Letto
check Bagno in camera con doccia
check Scrivania

check Servizio di cortesia firmato ETRO
check Telefono con linea diretta
check Asciugacapelli professionale
check Accappatoio e pantofole da bagno
check Specchio ingranditore

Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Cliccando sul pulsante Acconsento si autorizza l'uso dei cookie.

ACCONSENTO